Storia delle Slot Machine

By: admin | Date: August 20, 2013 | Categories: Slot Machine

Charles Fey ha inventato la prima slot machine nel 1895. Nel 1907, Fey ha collaborato con la Mills Novelty Company e poi fabbricato la Mills Liberty Bell. La Liberty Bell era caratterizzata da una cassa in ghisa, con uno stemma Liberty Bell classico fuso nella parte anteriore della macchina.

La macchina in origine aveva piedi di ferro con dita dei piedi. Nei modelli successivi le dita del piede sono state eliminate e sostituite con piedi ornati scorrenti. La ruota della macchina mostrava delle carte da gioco illustrate (il re, la regina e jack). Aveva anche una campana che suonava quando si verificava una combinazione vincente. Purtroppo, il campanello è stato rapidamente abbandonato. Il concetto originale, tuttavia, non è stato perso perché al giorno d’oggi, le slot moderne hanno una campana che suona per segnalare che un giocatore ha colpito il jackpot.

Nel 1910, la Mills Novelty Co. introdusse una leggera variazione per la Liberty Bell e la chiamò Operator Bell. Questa macchina aveva una buona entrata per le monete ed era caratterizzata dagli ormai famosi simboli della frutta.

L’era delle macchine in ghisa si concluse nel 1915, quando Mills introdusse  slot machine con armadi in legno meno costosi. Nei primi anni del 1930, la Mills Novelty Company ha fatto una serie di altre modifiche alla sua linea di slot machine che hanno rivoluzionato il settore.

In primo luogo, ha progettato le sue macchine per essere molto più tranquille. . . “così non si poteva sentirle ad un paio di metri di distanza”. Ecco perché le sue macchine del 1930 sono indicate come la “campana silenziosa”.

Poi ha introdotto un doppio jackpot che assicurava ai giocatori la possibilita’ di vincere due volte in rapida successione.

Per rendere le sue macchine memorabili ed allettanti per i giocatori, Mills introdusse poi una serie di armadi con disegni che erano suggestivi e colorati, ognuno con un suo tema. Il primo nei primi mesi del 1931 aveva la Testa del Leone. Alla fine del 1931, ci fu l’Aquila delle Guerra ed una  Testa  Romana, e nel 1933, arrivo’ ila facciata di un Castello.

La Testa del Leone utilizzava ancora la gettoniera a collo di cigno che era lo standard per il 1920. L’ Acquila da Guerra, tuttavia, era caratterizzata da una nuova gettoniera che visualizzava i gettoni giocati spostandoli una per volta nella parte superiore della macchina. Questa caratteristica, non solo ha aggiunto ulteriore movimento, ma ha anche fornito all’operatore maggiore sicurezza consentendogli di controllare più facilmente se venivano utilizzati gettoni falsi.